Ott
11

Bonus Malus: Le Caratteristiche e il Funzionamento del Meccanismo

Letteralmente Bene/Male, la locuzione potrebbe trovare una sua traduzione appropriata in “miglioramento/peggioramento”. Stiamo parlando della più famosa formula creata dalle compagnie di assicurazione per stabilire l’incremento o il decremento del premio della polizza assicurativa.

Il premio è la somma che ogni proprietario di auto, ciclomotore, motocicletta, ecc. è tenuto a versare per poter circolare. Infatti la legge stabilisce che ogni veicolo circolante debba possedere l’assicurazione per la responsabilità civile contro i danni causati, a cose o persone, dal mezzo quando è in movimento. Un parametro che incide nella determinazione del premio è la formula Bonus Malus che è legata alla virtuosità del conducente: il premio annuale sarà ridotto se non sono stati provocati incidenti con attribuzione della responsabilità (bonus); diversamente il costo del premio salirà (malus).

Come Funziona il Bonus Malus?

Il funzionamento del Bonus Malus è basato sulle classi di merito, dove per ciascuna classe è stabilito un certo importo che va poi a comporre il premio. Le classi di merito sono tarate in 18 fasce (da 1 a 18): la classe 1 è la più economica mentre alla classe 18 corrisponde il massimo costo. La classe di merito a cui si accede inizialmente è la 14: poi da essa si può salire o scendere. Occorre specificare che il cammino verso la classe superiore e più cara è stato studiato in modo diverso di quello che ne prevede la discesa. Infatti al verificarsi di un sinistro si peggiora la propria situazione e si sale di due classi (per esempio da 14 a 16) mentre se è trascorso indenne l’anno senza sinistri con responsabilità si scende di una classe (da 14 a 13) acquisendo un miglioramento.

Stante il meccanismo, si comprende come la formula Bonus Malus agevoli gli automobilisti rispettosi delle norme del codice stradale e prudenti. Non tutte le compagnia assicurative adottano le medesime classi di merito; alcune prevedono più classi in Bonus e in Malus (per esempio, classe 1A) a cui corrispondono più riduzioni di premio. Ai sensi del decreto Bersani bis vige il divieto alle imprese assicuratrici di effettuare il cambiamento della classe di merito se non si è realmente accertata la responsabilità del titolare della polizza nel sinistro segnalato.

Il periodo preso a base per conteggiare il premio assicurativo non è in realtà l’intero anno; in questo caso le norme sulle assicurazioni parlano di “periodo di osservazione” che scade due mesi prima della scadenza della polizza. Altra novità del decreto Bersani bis è il mantenimento della stessa classe di merito raggiunta dall’assicurato anche in caso di stipula di un nuovo contratto per un secondo veicolo acquistato da un familiare convivente. Inoltre si mantiene la propria classe di merito, chiamata universale (CU) ed indicata nell’attestato dello stato di rischio rilasciato dalla compagnia di assicurazione, anche per la permuta del veicolo, la rottamazione, il furto, oltre che se si cambia società di assicurazione. Vi è poi la possibilità di mantenere la stessa classe di rischio, senza l’aumento del premio, pur avendo effettuato un incidente con colpa, rimborsando alla società il risarcimento che questa ha erogato alla parte lesa. Tale modalità è consigliata quando la somma risarcita è di modesta entità.

  • Come i Motociclisti Rischiano la Patente ACome i Motociclisti Rischiano la Patente A Esistono problematiche che si possono improvvisamente presentare se non si conoscono le norme vigenti italiane: una delle quali è quella riguardante la clausola del contratto dell’assicurazione in ambito di violazione di norme e […]
  • RC Auto: le Caratteristiche e le Tipologie di ContrattoRC Auto: le Caratteristiche e le Tipologie di Contratto Oggigiorno possedere un'automobile non è sicuramente più un lusso, tanto che ogni membro della media famiglia italiana dispone di un veicolo con il quale spostarsi per andare al lavoro, per viaggio o per altre necessità. Ma il possesso o […]
  • Auto Storiche: I Vantaggi Riconosciuti dalle AssicurazioniAuto Storiche: I Vantaggi Riconosciuti dalle Assicurazioni Circolare con un veicolo nel territorio italiano richiede la stipula di un contratto di assicurazione che copra per la responsabilità in caso di danni effettuati a cose o persone dal proprietario del veicolo che ne sia risultato il […]